Forgotten Vulnerability website

In Prodotti web o su supporto informatico

Forgotten Vulnerability website

Quali sono i centri abitati più vulnerabili nei confronti dei forti scuotimenti sismici in Appennino? Un gruppo di ricercatori dell’INGV ha realizzato una graduatoria di priorità, utile per orientare campagne informative e interventi preventivi. Lo studio è stato pubblicato su International Journal of Disaster Risk Reduction

Meno del 10% della popolazione italiana è esposta a scuotimento sismico potenzialmente distruttivo. Si tratta di una quota di territorio relativamente modesta, che rende meno ardua la sua messa in sicurezza a patto, però, di scegliere bene dove investire. A dirlo uno studio dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), ispirato dalla forte differenza nella risposta sismica di Amatrice e di Norcia a seguito del terremoto del 24 agosto 2016.

Il lavoro, The forgotten vulnerability: A geology -and history- based approach for ranking the seismic risk of earthquake-prone communities of the Italian Apennines, è stato pubblicato su International Journal of Disaster Risk Reduction (link)

A tale lavoro è associato un sito web che consente di consultare in maniera interattiva il ranking che rappresenta il risultato della ricerca.

Il lavoro è presentato da Gianluca Valensise sul Blog "Terremoti e grandi rischi" - link

sfondo logout